21-11-2007   "L'intervista"                                       Mazara del Vallo

                                                                                 

                             

Giovanni Quinci
UDC, proposte per la Città

di Nino Asaro



Il 3 novembre scorso si è tenuta a Mazara del Vallo un'assemblea dei soci e simpatizzanti dell' UDC, si è parlato della "Situazione politica nazionale e comunale" e sono state presentate tre proposte di delibere consiliari che prevedono interventi a favore dei cittadini con basso reddito. 
Al convegno erano presenti l'on. Mimmo Turano, l'on. Francesco Regina e i coordinatori locali tra i quali Franco Gancitano, Silvano Bonanno e Giovanni Quinci 

Chiediamo a Giovanni Quinci di illustrarci le tre proposte di delibere:
«In questa assemblea dei simpatizzanti del 3 novembre sono state presentate tre proposte di delibere di agevolazioni verso le fasce sociali più deboli della nostra città per quanto riguarda le tasse e i tributi locali. Il nostro desiderio è quindi che a Mazara si paghino meno tasse.»

1) Addizionale IRPEF con aliquota allo 0,2% e fascia di esenzione con reddito di 15.000,00 euro.
«La prima proposta che abbiamo fatto riguarda l'addizionale IRPEF, come ben sapete l'addizionale IRPEF era stata bloccata con delle leggi finanziarie di Berlusconi fino al 2007. Prodi nella finanziaria del 2007 ha dato nuovamente la possibilità ai comuni di aumentare questa addizionale e l'amministrazione comunale con Macaddino ha preso la palla al balzo ed ha aumentato l'addizionale IRPEF con una determina sindacale dallo 0,2% allo 0,4%. 
Noi riteniamo che questa determina sia illegittima perchè doveva essere fatta dal consiglio comunale, in quanto la finanziaria del 2007 dava questo potere ai consigli e non più al sindaco o alle giunte. 
Fatto importante è che il consiglio oltre a determinare le aliquote può inserire una fascia di esenzione per gente che ha un reddito basso. 
La nostra proposta di delibera è quella di abbassare l'aliquota nuovamente allo 0,2% e di individuare una fascia di esenzione che noi diciamo di 15 mila euro, ma che in comune accordo con il consiglio si può abbassare od alzare. A dire il vero noi avevamo presentato, in occasione dell'approvazione del passato bilancio, la stessa delibera che era stata bocciata dal consiglio comunale, molto probabilmente perché non aveva capito lo spirito della delibera o per paura di stravolgere il bilancio. Noi la stiamo riproponendo, ma questa volta stiamo spiegando quali sono i vantaggi per alcuni dei nostri concittadini e vale a dire per le famiglie meno fortunate e i pensionati. 
Il motivo per il quale viene proposta ora e non in fase di bilancio è perché la finanziaria del 2008 prevede che se l'atto deliberativo viene presentato entro il 31 dicembre, tutti i cittadini che dovranno versare l'acconto sulla dichiarazione dei redditi potranno versare l'addizionale irpef allo 0,2% anziché allo 0,4%.»

La riduzione dell'addizionale IRPEF provocherebbe una minore entrata per le casse comunali, avete qualche idea di come recuperare queste somme?
«Queste misure farebbero venire meno delle entrate che si potrebbero recuperare andando a revisionare alcune tasse che sembrano dimenticate, tipo la TOSAP e cioè la tassa sull'occupazione del suolo pubblico, che comprende anche gli scavi per la posa di tubazioni e cavi telefonici od elettrici. Un aumento di questa tassa non arrecherebbe particolari disagi a grosse compagnie come Siciliana Gas, Telecom, Enel e andrebbe a coprire il mancato gettito dell'addizionale IRPEF.
Un recupero di somme potrebbe avvenire anche con una riorganizzazione dell'ufficio tributi allineando l'anagrafe tributaria a quella della popolazione reale eliminando tutte quelle situazioni di evasioni che purtroppo esistono.»

2) ICI - Ritorno alle detrazioni per la seconda casa in comodato ai figli.
«Per quanto riguarda l'ICI nel regolamento che determina le agevolazioni dell'ICI, durante la scorsa amministrazione, su richiesta del sindacato si era inserito un articolo che dava la possibilità ai possessori di seconde case date in comodato d'uso ai figli di pagare l'ICI equiparandola a quella della prima casa e quindi con tutte le agevolazioni del caso.
Nel modificare il regolamento ICI l'attuale amministrazione non ha più previsto questa possibilità.»

3) Regolamento comunale per esenzione ed agevolazioni dalla TIA (tariffa igiene ambientale).
«Con la vecchia TARSU, esistevano delle agevolazioni per pensionati, singoli e per la stagionalità. Per esempio durante la stagione estiva i possessori di villini potevano bloccare il pagamento della spazzatura di casa e pagare solo quella del villino al mare o in campagna.
Con l'entrata in vigore dell'ATO e della Tia queste agevolazioni non esistono più, ma la legge Ronchi da la possibilità di rivedere il regolamento e farlo ad hoc comprendendo anche questi casi.
Noi abbiamo solamente preso i regolamenti dei comuni vicini che hanno già adottato queste modifiche e li stiamo proponendo al consiglio comunale di Mazara.
I mancati incassi dell'ATO dovrebbero essere corrisposti dall'amministrazione comunale con un fondo previsto in bilancio che erogherebbe all'ATO solo in funzione dei reali sconti applicati.
Un parziale recupero di queste somme potrebbe venire mettendo in atto il piano delle affissioni pubblicitarie, approvato dalla giunta Vella. Con una spesa di 100/200 mila euro si potrebbe dotare Mazara di una serie di pannelli pubblicitari dislocati in varie parti della città e fare pagare una tariffa a tutti coloro che vogliono fare pubblicità. In questo modo si eviterebbe anche lo scempio delle affissioni selvagge che deturpano le strade di Mazara.»
«Come vede proposte concrete di politica sociale, questo è quello che abbiamo voluto mettere campo. Nei prossimi mesi ne seguiranno altre, nella speranza che questa amministrazione e questo consiglio voglia prendere in considerazione le esigenze di tutta una fascia di popolazione più disagiata.»


                             

  
                                                                                      

 

HOME INTERVISTE

 
 

© Copyright 2001-2007   MEDIBA Media Communication Software                                  

Hit Counter