24-06-2009


   


Ha fatto credere di essere solo contro tutti, ma era consapevole di avere i cittadini mazaresi dalla sua parte. Nicola Cristaldi sindaco !

« Io sono abituato ai microfoni, eppure a me capita ancora di venire nella mia città, nelle piazze della mia città, mi capita soprattutto in piazza Mokarta, mi capita anche in piazza Regina che l'emozione mi prenda. Questa è la mia città, questa è la mia terra, conosco ogni pietra di piazza Mokarta, conosco ogni volto, conosco ogni luce, ogni ombra di questa piazza. Ed è per questo che ho deciso, fin da adesso, di candidarmi a sindaco della mia città. Perchè se io vinco la cambio questa città ! » 
Era il 14 giugno del 2006 quando Nicola Cristaldi, in campagna elettorale per il rinnovo dell'Assemblea Regionale, in un comizio tenuto in piazza Mokarta annunciò il suo progetto di candidarsi a sindaco della città di Mazara del Vallo. 
A distanza di tre anni Nicola Cristaldi è sindaco della città di Mazara del Vallo, coronando un sogno inseguito da anni e raggiunto al primo tentativo. Negli anni passati era stata soprattutto la politica ad impedirgli di candidarsi a sindaco della sua città, perchè in fondo Nicola Cristaldi aveva raggiunto traguardi importanti nella politica regionale e nazionale ed era giusto che lasciasse spazio anche agli altri. Lunedì pomeriggio è diventato sindaco di Mazara del Vallo con un consenso plebiscitario che ha dimostrato che la città non lo aveva dimenticato, che la volontà popolare vale più di qualsiasi accordo politico e che se uno dimostra di metterci il cuore, di continuare a lottare con coerenza e decisione, non esistono obiettivi impossibili. Mi ricordo che alla vigilia del primo turno di queste elezioni Nicola mi chiese una previsione ed io risposi che secondo me sarebbe arrivata prima la Di Giovanni e per il ballottaggio sarebbe stato un testa a testa tra lui e Toni Scilla per via della consistenza delle liste. Nicola Cristaldi sorrise e mi disse:« Fai l'errore di continuare a pensare che in queste elezioni il consigliere conti più del candidato a sindaco ». 
Bisogna dire che aveva ragione, perchè i 3.511 voti presi in più delle liste al primo turno evidenziavano chiaramente che lui aveva ragione e che la città aveva già deciso chi doveva essere il sindaco di Mazara dopo il ballottaggio. 
Nicola Cristaldi, anche quando le note vicende personali-politiche avevano portato Toni Scilla fuori dal suo progetto decretando la spaccatura del Pdl, era rimasto consapevole che il suo carisma, la sua popolarità politica, il suo passato politico che lo ha portato a rivestire importanti ruoli istituzionali, il suo progetto per la città, valevano più di qualsiasi altra cosa avessero potuto mettere in campo i suoi avversari politici. 
In queste ore gli sconfitti si continuano ad interrogare sul perchè del risultato nonostante l'apparentamento, qualcuno è alla ricerca di probabili traditori, continuano a sbagliare pensando che i cittadini mazaresi non abbiano occhi per guardare, orecchie per sentire e cervello per pensare. I cittadini mazaresi dopo avere bocciato gran parte della vecchia classe politica mazarese, ne hanno bocciato anche il loro modo di gestire la politica. 
Su questo dovrebbero fermarsi a riflettere ! 
Ha vinto da solo contro tutti, e questo rende la vittoria ancora più bella e prestigiosa, ma è indubbio che per amministrare bene sarà necessaria la collaborazione di tutti, nessuno escluso. 
Dai prossimi giorni il compito più bello ma anche più difficile, quello di essere il sindaco di tutti i mazaresi e di rispettare le promesse fatte in questi mesi, perchè se i mazaresi lo hanno voluto sindaco di Mazara è perchè dopo quel comizio del 14 giugno del 2006 hanno creduto realmente che Nicola Cristaldi avesse le capacità per cambiare la città di Mazara. (nasa)




  

Cronaca di una vittoria annunciata: Nicola Cristaldi è il nuovo sindaco di Mazara del Vallo

Il successo del deputato nazionale è stato chiaro fin dalle primissime ore dello spoglio che è stato seguito da moltissimi cittadini in un clima di frenesia mista ad eccitazione. 
Cristaldi ha atteso la sua vittoria nello stesso luogo nel quale aveva registrato la grande affermazione del primo turno di queste Amministrative, cioè quella piazza Mokarta dalla quale nelle ultime serate di campagna elettorale è stato protagonista, grazie all’intervento di importanti ospiti, di interessanti incontri-dibattiti. 
Ha atteso il risultato insieme, come sempre, ai suoi amici e sostenitori, vecchi e nuovi, sotto un gazebo al riparo dal caldo e dal vento di maestrale. Tra un sigaro e l’altro, e “scuotendo” i suoi noti baffoni, ha commentato con la sua solita ironia ed il suo accento non propriamente siciliano, i dati che gli venivano riportati dalle singole sezioni. 
Un via vai di persone, molti giovani con in mano dei foglietti sul quale raccolti i numeri registrati nelle sezioni assegnate e pronti ad essere trascritti in un grande tabellone posto sopra un palco Alla fine un grande applauso ha scosso la piazza quando la vittoria è stata acquisita per certa. 
Tutti così intorno al loro capo che nell’entusiasmo della sua gente non ha saputo trattenere una delle emozioni più grandi, sicuramente, della sua vita, la possibilità di essere sindaco della sua Città, un desiderio che il deputato Cristaldi ha sempre coltivato fin da giovanissimo quando era considerato uno dei pupilli di Giorgio Almirante. Acquisito il risultato, il popolo di Cristaldi si è spostato nella vicina piazza della Repubblica che prima piano e poi rapidamente, si i riempita, ed i festeggiamenti sono proseguiti fino a notte fonda. Alla fine Cristaldi, secondo dati ufficiali, ha totalizzato ben 17.319 voti (quasi 69% delle preferenze) contro gli 8.072 (31% delle preferenze) dell’altro candidato a sindaco, la dott.ssa Vinnuccia Di Giovanni; così il ballottaggio si è dimostrato un vero e proprio plebiscito a favore di Nicola Cristaldi. 
Dopo l’acquisizione della vittoria Cristaldi è stato accompagnato da una marea di persone in un giro per il centro storico. 
Emozionatissimo come non mai ha dichiarato: « La gente ha voluto premiare – ha detto Cristaldi - la nostra coerenza, il nostro coraggio ed ha sonoramente condannato gli inciuci e gli accordi sottobanco ed una miscelanza strana di interessi. La città ha dimostrato di aver fame di politica seria vedi la nostra campagna elettorale condotta seriamente senza cadere nelle provocazioni. Credo –ha aggiunto- di aver raggiunto un traguardo sognato da una vita e cioè quello di fare il sindaco della mia Città. Sarò il sindaco di tutti i mazaresi ma sarò sempre riconoscente a quanti hanno creduto alla mia candidatura che è stata ne facile e ne comoda. Auspico la collaborazione di tutte le forze politiche per far risollevare la nostra Città che è bellissima.» 
A festeggiare Cristaldi sono intervenuti: il sen. Antonio D’Alì, l’on. Livio Marrocco, il presidente della Provincia Mimmo Turano, l’on. Massimo Grillo ed il sindaco di Marsala Renzo Carini. 
L’on. Nicola Cristaldi è stato candidato a sindaco del Popolo delle Libertà e si è presentato alle elezioni Amministrative sostenuto da ben cinque liste: Pdl, “Cristaldi Sindaco”, “Casa dei Moderati”, “Insieme per Mazara” e “Liberi”. 
A primo turno il deputato nazionale aveva raccolto un numero di voti, in totale 12.388 (il 39,35% delle preferenze), superiore a quelli delle sue liste le quali hanno totalizzato complessivamente 8.877. (fm)




  

Elezioni amministrative a Mazara del Vallo. I commenti a caldo dei protagonisti dopo l’elezione a sindaco di Nicola Cristaldi

La città ha scelto Nicola Cristaldi ma lei ha fatto sicuramente bella figura, perchè questa competizione elettorale caratterizzata da tante polemiche sfociate quasi negli insulti non era certo adatta ad una donna. 
Ma Vinnuccia Di Giovanni ha dimostrato oltre allo stile, alla classe, anche tanto garbo e capacità di resistere alle provocazioni, riuscendo a rispondere con fermezza senza farsi trascinare nella polemica. 
Meno di cinquanta giorni di campagna elettorale non erano certamente bastevoli per trasformare una stimata professionista in un'astuta politica in grado di contrastare uno come Nicola Cristaldi, ma se i numeri non gli hanno dato ragione non è stata certo colpa sua, la trasversalità partitica che andava dall'Udc all' Mpa fino al Pd in Sicilia non ha sfondato, non è riuscita a convincere gli elettori e in tutte le città in cui è stata presentata ha favorito alla fine per dare la vittoria al candidato del Pdl. 
«E' stata una partita che ho giocato con serenità, - commenta la dr.ssa Vinuccia Di Giovanni - in piena coscienza. Mazara ha scelto l'onorevole Cristaldi come sindaco della città, in piena democrazia come giusto che sia, una sconfitta che accetto ancora una volta con serenità, ma è stata comunque una esperienza importante che mi ha aiutato a crescere e a maturare una visione più completa di quella che è la politica locale. Tra le tante cose questa esperienza mi ha fatto conoscere tanti amici e tanti falsi amici, tutto questo preso sempre con il sorriso sulla bocca e come momento di crescita. Quello che ritengo sia importante di questa esperienza è il gran numero di cittadini che mi hanno votato, il grande sostegno ricevuto dai giovani delle varie liste, segno comunque di una buona politica di cui potrò andare fiera. Ringrazio tutti gli elettori, tutti quelli che hanno creduto in me e faccio tanti auguri al sindaco Cristaldi e mi auguro possa essere il sindaco di tutta la città.» 
Dal canto suo il neo sindaco Nicola Cristaldi passa da momenti di grande gioia a momenti di commozione, tante e troppe sono state le emozioni di questi ultimi giorni ma nel suo primo discorso di sindaco è riuscito a trattenere le sue emozioni e a parlare come al suo solito, come sa fare lui, alla città: «Ho avuto dalla politica tutto ciò che una persona può desiderare, ho ricoperto incarichi che voi tutti conoscete e ho cercato di esser degno degli incarichi che ho ricoperto, ma qualunque fosse il traguardo che raggiungevo in un momento della mia vita politica, ne fissavo sempre uno, sempre lo stesso, un giorno dovrò essere il candidato sindaco della mia città. 
Essere il primo cittadino della mia città è una cosa che mi riempie di orgoglio, so che dietro la mia elezione c'è una grande aspettativa, perchè la nostra Mazara deve uscire dal livello della tristezza, per cominciare ad entrare nella strada dell'ottimismo. E questo si potrà fare non solo con una corretta e sana amministrazione ma soprattutto con la partecipazione dei cittadini. In campagna elettorale abbiamo fatto i nostri interventi guardando negli occhi la gente, abbiamo inventato il salotto in piazza, abbiamo portato personalità di altissimo livello dal punto di vista politico e dal punto di vista culturale, abbiamo aperto un dialogo con le persone illustrando il progetto che abbiamo disegnato già qualche anno fa, illustrando i problemi ma soprattutto cercando di far vedere quali sono le soluzioni a questi problemi. So che non sarà facile, perchè la nostra è una città complessa e contraddittoria, però è una città che ha mille risorse, le potenzialità, ha tanti traguardi che potranno essere raggiunti. 
Nicola Cristaldi è sicuramente un sindaco che ama la sua città e che ama la sua gente, la campagna elettorale è stata dura, abbiamo subito linguaggi molto pesanti e per noi non è stato facile parlare di politica senza cadere nel tranello di un linguaggio che non fa parte del nostro modo d'intendere la politica, ma qualora dal nostro linguaggio fosse stato in qualche maniera recepito una forma pesante o comunque di mancato rispetto, io a nome della mia coalizione chiedo scusa a chiunque. 
Sarò il sindaco della città, sarò il sindaco di tutta la città, ma permettetemi di dirvi che intanto sono il sindaco di coloro che mi hanno sostenuto e mi hanno eletto, nel senso che non dimenticherò mai le ragioni della mia candidatura e soprattutto le ragioni della nostra vittoria.
» 
Giovanni Palermo coordinatore del Partito Democratico, ha lavorato alacramente per il successo del progetto Vinnuccia Di Giovanni e adesso analizza il risultato negativo: «Per spiegare le ragioni della nostra sconfitta non è necessario armarsi di spirito giustizialista, secondo me la città di Mazara del Vallo ha scelto al di là degli errori che le coalizioni hanno fatto. La città di Mazara del Vallo è una città stranissima, dove non esistono regole nella politica perchè qualcuno nel corso degli passati le ha fatte saltare ma nonostante tutto non ha accettato l'eccessivo trasversalismo della nostra coalizione. 
Io devo fare pubblicamente i complimenti a Vinnuccia Di Giovanni perchè lei è stata una donna forte e determinata dimostrando un carattere eccezionale in questa occasione quando per molto meno altri hanno perso la testa affermando cose che non si possono neanche ripetere. A Vinnuccia noi affidiamo un messaggio a nome del Partito Democratico , Vinnuccia deve continuare questa azione politica, perchè rappresenta una parte dei cittadini di Mazara del Vallo e per questo motivo deve rappresentare il sindaco ombra di questa città, insieme ai rappresentanti consiliari, ma anche fuori dalla rappresentanza consiliare, per effettuare un controllo e una verifica continua sull'operato del nuovo sindaco Cristaldi.
» (nasa)

 

 

I residenti devono acquistarla dai privati. Replica il Comune Via Salemi senz’acqua

Ancora disagi per l’approvvigionamento idrico. A lamentarne il mancato arrivo sono stati gli abitanti della parte alta di via Salemi, che da circa due mesi sono costretti ad acquistare acqua potabile attraverso autobotti private. In particolare alcuni cittadini che abitano in un condominio della via Vittorini hanno segnalato la problematica: «In questi ultimi due mesi - hanno segnalato i condomini - abbiamo già acquistato acqua da privati per oltre 700 euro. Un tempo si avvisano gli utenti per gli eventuali disservizi, e quali fossero le cause, il servizio comunale provvedeva per l’intera cisterna. Sembra che queste usanze siano scomparse. Si è dimenticatoi che il cittadino non ha solo doveri? Si è dimenticato che il cittadino ha anche il diritto di pretendere i servizi per i quali paga già tanti balzelli? ». Sul problema per il quale hanno protestato anche residenti delle vie Brennero e Don Primo Mazzolari, è intervenuto il responsabile dell’Ufficio Acquedotto del Comune: «Il disagio - ha spiegato il geom. Pietro Giacalone - è stato causato dall’allacciamento idrico al pozzo di S. Nicola del quartiere di Bocca Arena e ciò, insieme alle frequenti interruzioni di energia elettrica, determina la mancanza di acqua in quella parte terminale della rete idrica ». Problemi di approvvigionamento idrico sono stati registrati in diversi quartieri della città, anche il centro storico che soffre l’ipersfruttamento del pozzo di Ramisella. L’arrivo dell’estate in queste condizioni apporterà notevoli disagi anche per i residenti del quartiere estivo di Tonnarella. «Ad oggi - ha sottolineato Giacalone - i problemi sarebbero risolti se fossero funzionanti i tre nuovi pozzi di contrada Castelluzzo-Fiumara, purtroppo nel sito in questione, pur avendo sollecitato più volte l’Enel, non è stato completato l’allaccio elettrico ed installato il trasformatore di bassa tensione». F. M.

 

 

Il sequestro del “Buccaneer” - Preoccupati i familiari che attendono notizie

Una storia misteriosa e con tante incongruenze. Si può definire così la vicenda del rimorchiatore italiano "Buccaneer", sequestrato l'11 aprile scorso da pirati somali. Giovanna Giacalone, moglie del mazarese Pasquale Mulone, uno dei componenti l'equipaggio, non si da pace. «L' ultima volta che ho sentito mio marito - dice - è stato lo scorso 10 maggio, poi il telefono è rimasto silenzioso. Per altre vie sono venuta a conoscenza che tutti i marittimi stanno bene ma io vorrei parlare con mio marito per ascoltare dalla sua viva voce le condizioni di salute e cosa possiamo fare noi da qui, dalla Sicilia, dall'Italia.» Poi lancia un accorato appello alle autorità italiane perchè la vicenda si risolva nel più breve tempo possibile. Nel frattempo, ed anche questo è un mistero, Giovanni Vollaro, un altro marittimo sequestrato di Torre del Greco, ha telefonato spesse volte al padre ed avrebbe riferito che con lui erano presenti Bernardo Borrelli e Vincenzo Montella, altri due marittimi campani. «Giovanni parlava tranquillamente -riferisce il padre - non era sollecitato da nessuno ma chiedeva come mai non si muove nulla, il silenzio riempie le loro giornate fatte da disagi estremi e tanta paura.» Il giovane marinaio sollecita nuovamente il padre e le altre famiglie a parlare con la stampa e di muoversi perchè non vedono vie di uscita. E perchè Vollaro può telefonare e Mulone non si fa sentire? Anche questo è un mistero. Tutti si chiedono che cosa stia succedendo e perchè tutta questa tragica vicenda sia finita , in un silenzio tombale, visto che la maggior parte dei media non ne parla. Fino a quando potranno resistere? Qualche giorno fa alcuni familiari degli ostaggi hanno lanciato un appello al presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano ma ancora pare che questo grido di dolore non sia stato raccolto. Eppure questa è una storia di marinai che, insieme alla loro nave, sono tenuti ostaggi dei pirati somaliche chiedono un riscatto per liberarli ma finora il governo italiano ha mostrato un atteggiamento inedito ed intransingente ma è anche una storia di faccendieri terzi che si ingegnano a mediare in uno sperduto lembo d'Africa dove l'anarchia regna sovrana. Una storia che comincia l'11 aprile scorso su una nave che partita da Singapore e diretta a Suez, è andata incontro al suo destino. I 16 componenti l'equipaggio, tra cui dieci italiani e fra questi Pasquale Mulone, da allora non vivono più. Privati di ogni libertà giacciono lì, nel ventre della loro nave alla fonda nel mare, allargo delle coste del Puntland. Non hanno altro da fare che sperare ed aspettare. Come fa la signora Giovanna Giacalone che, ad ogni squillo di telefono, spera di sentire la voce del marito. (sg)




Inaugurato Centro del Distretto D53 per “Servizio Affido Familiare”

Nel pomeriggio di venerdì 19 giugno è stato inaugurato il Centro Servizi per l’Affido Familiare: “Affetti Speciali”. Il Centro, realizzato con i finanziamenti del FNPS legge 328/00 nell’ambito del Distretto Sociosanitario “D53” e attivato dalla Cooperativa Onlus “Vivere Con” in collaborazione con il Consorzio “Solidalia”, avrà sede sia a Mazara del Vallo (comune capofila del Distretto) che a Salemi. A spiegare gli obiettivi del nuovo Centro è stato il dott. Giuseppe Sieli, presidente della Cooperativa “Vivere Con”: “l'affido familiare, regolamentato dalla Legge n.184 1983 modificata dalla Legge n.149 2001 –ha dichiarato Giuseppe Sieli- è un provvedimento temporaneo mediante il quale un minore viene accolto presso una famiglia, o ad una singola persona, nel caso in cui la famiglia di origine sia in una fase di difficoltà e non riesca a garantire il soddisfacimento dei bisogni dello stesso minore. Durante questa esperienza la famiglia affidataria non sarà sola ma sarà affiancata da un’equipe di operatori specializzati che seguirà l’intero percorso fornendo il sostegno necessario”. All’inaugurazione, alla quale hanno preso parte numerosi operatori sociali e del volontariati del territorio, è intervenuta l’Assessore Comunale alle Politiche Sociali dott.ssa Caterina Agate. La referente del Centro, la dott.ssa Fabiola Mannone, ha sottolineato: “Ricordo –ha detto la dott.ssa Mannone- che ogni bambino ha bisogno di essere accettato, ascoltato, accolto, amato ed accompagnato. Ogni bambino ha bisogno di una famiglia per crescere”. Il Centro si avvale della presenza di operatori con significative esperienze nel settore sociale: la dott.ssa Fabiola Mannone (assistente sociale); la dott.ssa Rosalba Serra (psicologa) e le educatrici professionali dott.ssa Valentina Macaddino e Marianna Bonsignore. Formatori della suddetta equipe sono: la psicologa Giancarla Fodale ed il sociologo Francesco Mezzapelle. Il Centro “Affetti Speciali” avrà la sede principale a Mazara del Vallo in via Siracusa (Tel. 392.9017562-Fax 0923.943564. Email: affido.viverecon@gmail.com) è sarà aperto il martedì dalle ore 15,30 alle 18,30. Sede distaccata del Centro saranno gli Uffici Affari Sociali del Comune di Salemi. (Tel. 0924.991365-Fax 0924.991203) con l’apertura ogni mercoledì dalle ore 10 alle 13.  (Erika Asaro)




Lombardo a Belice Ambiente «È il primo Ato in Sicilia»

Il presidente della Regione Raffaele Lombardo è stato in visita alla Belice Ambiente insieme con l’assessore regionale alla Sanità, Massimo Russo. Il presidente è stato accolto dall’amministratore Francesco Truglio, dal sindaco di Partanna, Giovanni Cuttone e da un gruppo di dipendenti. Truglio ha illustrato al presidente Lombardo le iniziative sulla raccolta differenziata con gli incentivi economici individuali e collettivi e l’attività che sta svolgendo la società d’ambito nei comuni della provincia. Il presidente Lombardo ha reso noto che l’Ato Tp2 risulta essere il primo Ato in classifica a livello regionale. «L’impegno nella raccolta differenziata ha dato i suoi frutti – ha commentato Truglio – oggi riconosciuto a livello regionale e apprezzato dal governatore siciliano».



A.S.L. n° 9: Rinnovata la convenzione con la Sezione A.V.I.S. di Mazara del Vallo
 
Predisposto dalla Direzione Generrale dell’Azienda U.S.L. n° 9 di Trapani l’atto deliberativo relativo al rinnovo, per un periodo di anni tre, della convenzione con lea Sezione comunale A.V.I.S. di Mazara del Vallo. L’importante provvedimento, formulato secondo lo schema-tipo approvato con decreto assessoriale del 19.09.2008, verrà adesso trasmesso per l’approvazione al competente Dipartimento per la Pianificazione Strategica dell’Assessorato Regionale della Sanità. Nelle more di tale approvazione, le Associazioni possono proseguire la preziosa attività di raccolta, con il conferimento delle sacche di sangue al Servizio di Medicina Trasfusionale dell’A.U.S.L. n° 9 ubicato presso il Presidio Ospedaliero “Paolo Borsellino” di Marsala.



Orari della Guardia Medica Turistica 

Questi gli orari di apertura della Guardia Medica Turistica attivata a Mazara del Vallo dall’Azienda U.S.L. n° 9 per il periodo 16 Giugno 2009 – 15 Settembre 2009: DISTRETTO di MAZARA DEL VALLO TONNARELLA Via Del Mare Tel..0923.651570 Ore 24/24



  

A.S.L. n° 9 Trapani: Avviso pubblico per assunzione di Ausiliari 

La Direzione dell’Azienda Unità Sanitaria Locale n° 9 di Trapani ha indetto un avviso di selezione pubblica, per titoli, integrata da prova di idoneità, per assunzioni a tempo determinato per il profilo professionale di: Ausiliario specializzato cat. A. Il testo dell'avviso e' stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Regione Sicilia n. 5 del 29 aprile 2009. Lo stesso testo verrà ulteriormente integrato dei periodi mancanti a pagina 10 con successiva pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Regione Sicilia del 26.06.2009. Il testo integrale e corretto dell’avviso pubblico è già consultabile visitando la pagina Area Risorse Umane del sito web www.asltrapani.it. Il termine ultimo per l'invio delle domande e' fissato improrogabilmente entro 20 Luglio 2009. Le domande devono essere inviate al direttore generale dell'Azienda U.S.L. n. 9 sita in via Mazzini, 1 - 91100 Trapani. Alla domanda di ammissione alla selezione dovra' essere allegato l'originale della ricevuta comprovante il pagamento della tassa concorso di € 10,33 (euro dieci e trentatre') intestato a Azienda U.S.L. n. 9 Trapani, c/c postale n. 00181917. Per informazioni rivolgersi o telefonare all'Area risorse umane tel. 0923/805249 nelle giornate di: martedi' ore 16,00-17,30, e giovedi' dalle 9,30 alle 13,00.




  

Collegamento Mazara – Pantelleria 

La mancata attivazione della tratta di collegamento a mezzo aliscafo tra Mazara del Vallo e Pantelleria secondo il senatore Antonio d'Alì è «conseguenza dell'immobilismo del Governo Regionale». «Le acrobazie preelettorali e parapolitiche del presidente Lombardo hanno causato un ulteriore danno alla città di Mazara nella assoluta inerzia dei deputati regionali della provincia. Infatti per pura inefficenza – afferma d'Alì – la gara di assegnazione del collegamento con aliscafo tra Mazara e Pantelleria sarà celebrata il due settembre (sic!)». «Se questo è l'esempoio di modernità ed efficienza, ed il messaggio positivo che si vuole trasmettere ai cittadini siciliani – conclude il senatore – credo che non sia difficile immaginare quello che ci si deve aspattere in futuro: dalla sanità, ai trasporti un panorama di forti penalizzazioni per la provincia di Trapani e per la città di Mazara in particolare».




 

Dance Works 2009 all’insegna della beneficenza con Alviero Martini, testimonial per Care & Share

Il famoso ed apprezzato stilista sarà a Mazara del Vallo il 28 giugno per partecipare allo spettacolo in favore dei bambini poveri dell’India Alviero Martini, stilista amato ed apprezzato in tutto il Mondo, sarà l’ospite d’onore della Dance Works di Carla Favata, Domenica 28 Giugno alle ore 20,00 al Teatro Rivoli di Mazara del Vallo. Un ospite d’eccezione, grazie alla partecipazione della Dance Works di Carla Favata al progetto di beneficenza in favore dei bambini poveri dell’India, portato avanti dall’Associazione senza scopo di lucro CARE & SHARE, di cui Alviero Martini è prestigioso testimonial. Per illustrare i dettagli del progetto, Alviero Martini e Carla Favata, incontreranno gli operatori della stampa Domenica 28 giugno alle ore 16,00 presso la sala gialla del Teatro Rivoli. Interverranno Autorità istituzionali e rappresentanti dell’associazionismo mazarese. Sarà presente, inoltre, Nino Graziano Luca, conduttore del Saggio 2009 Dance Works, direttore della Compagnia Nazionale di Danza Storica, presentatore ed autore televisivo, volto noto della tv nazionale, grazie soprattutto alle collaborazioni Mediaset e Rai (Uno Mattina) (Rai due Notte). Il Saggio 2009 della Dance Works di Carla Favata si articolerà nelle serate di Sabato 27 Giugno e Domenica 28 Giugno, a partire dalle ore 20,00 al Teatro Rivoli. L’evento di Sabato 27 Giugno sarà dedicato alla danza classica, con gli spettacoli “Gala du Ballet d’Espagne” e “Trilli”  Domenica 28 Giugno l’atteso evento di beneficenza Care & Share, alla presenza di Alviero Martini, con lo spettacolo di danza contemporanea “L’intelletto, La Donna, Le Virtù – Viaggio alla Ricerca dell’Amore”, liberamente tratto dalla Divina Commedia di Dante Alighieri – Regia e Coreografie di Carla Favata. A seguire il Saggio di danza contemporanea degli studenti della Dance Works “Ciak Movie” e “Mamma Mia”. Per accrediti e conferma di partecipazione agli eventi: Dance Works – infoline 0923907372 – 3471323805 www.danceworks.it – info@danceworks.it - www.careshare.org

  

   

Hit Counter